Numero 2 -


Avviamento, metodi di valutazione e contraddittorio preventivo

Estratto: L’impiego di modelli matematici per la stima del valore di avviamento è, di norma, un passaggio obbligato dovendo essere rappresentata, attraverso l’impiego di una serie di variabili più o meno complesse, una grandezza aziendale nella sua dimensione quantitativa. I modelli in parola devono però essere animati da logica e presupposti solidi e, sotto questo profilo, molto consistenti sono i dubbi che circondano l’utilizzo del criterio di cui al D.P.R. n. 460 del 1996, che, sebbene sia regolato da una disposizione da tempo abrogata, continua ad essere...

Rassegna tributaria

Da oltre sessant’anni, Rassegna tributaria è una delle più prestigiose riviste in materia fiscale in Italia

Sei un nuovo cliente?

Registrati e attiva subito 28 giorni di consultazione gratuita*.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?

loader